Newsletter – Email marketing e SEO

Newsletter
Newsletter ed email marketing: i vantaggi in termini di SEO

Newsletter ed email marketing: i vantaggi in termini di SEO

Se ti stai chiedendo “a cosa serve creare una newsletter?”, sappi che uno studio realizzato da Amazon ha stimato che il 24.7% del traffico su Google proviene da Google Mail. Un utente su 4 si trova a leggere articoli esclusivamente grazie all’email marketing.

La newsletter, inoltre, è una fonte di traffico costante. Sono tanti i casi di copywriter con siti o blog presenti nei primi posti della SERP che hanno visto crollare i loro articoli. Tutto ciò a causa dei continui cambiamenti nell’algoritmo di Big G.
Se aggiungiamo i problemi riscontrati dai social network in questo ultimo periodo a causa dei continui down, capiamo come l’email marketing sia l’unico mezzo in grado di generare traffico in totale indipendenza.

Newsletter e indicizzazione

Inoltre, come succede per lo spamming nei canali social, creare una newsletter ci permette di ottenere traffico all’istante, anticipando l’indicizzazione di Google Search Console. A differenza dello spamming sui social, però, l’email marketing è recepita dall’utente come un servizio aggiuntivo che andiamo ad offrire e non un elemento di fastidio.

Indice dell’articolo

Chi è Dario Vignali?

L’ultimo blocco di 30 giorni subito da Facebook mi ha spinto ad approfondire “nuovi” social.
È questo il motivo per cui mi sono imbattuto in Dario Vignali, un ragazzo che, nel momento in cui sto scrivendo questo articolo, ha qualcosa come 251mila followers su Instagram.

Digitando “Dario Vignali” sui principali motori di ricerca e social network, mi sono accorto di essere uno dei pochi al Mondo ad ignorare la sua esistenza.
Nerd, appassionato di affiliazioni, inbound e outbound marketing, social media, SEO e chi ne ha più ne metta.
Creatore di questo, fondatore di quello, co-fondatore di quell’altro ancora eccetera eccetera, Dario Vignali deve la sua fortuna al modo che ha di fare community.

Il segreto di Dario Vignali: Newsletter ed email marketing

Spulciando in lungo e in largo la sua figura, sono sempre più convinto di aver capito a cosa sia dovuto il suo successo: utilizzo scientifico di newsletter ed email marketing.
L’utilizzo metodico di newsletter e BOT (entrambi con dosi da cavallo di PNL) hanno dato vita al Guru del Web Marketing Dario Vignali.

In altre parole, il Fenomeno indiscusso del Social Media Marketing e del Blogging, non ha fatto altro che rendere Arte una pratica troppo spesso sottovalutata e bistrattata: l’email marketing.

Questo, a mio avviso, è il motivo principale per cui si è meritato di entrare nella lista degli under 30 più influenti in Italia stilata da Forbes nel 2018.
Alla faccia nostra.

Creare newsletter su WordPress

Ora che, come spero, sono riuscito nel mio intento e ti ho convinto a spingere di brutto sull’email marketing, ti starai domandando ”come creo una newsletter su WordPress?”

Il mio consiglio è quello di affidarti a MailChimp. Questo sito, nella sua versione base, ti consente di spedire 12.000 email al mese e di creare liste da 2.000 iscritti.
newsletter

Su MailChimp puoi realizzare un form d’iscrizione che inserirai successivamente sul tuo sito, permettendo la registrazione alla newsletter da parte dei tuoi lettori.
Oltre ad avere a disposizione tutti i campi per realizzare al meglio le tue “campagne”, grazie al pulsante “Design email”, puoi scegliere e personalizzare il layout da utilizzare.

Dopo aver inserito tutti i dati relativi alla tua newsletter ed averne personalizzato il template, puoi decidere se inviare subito la newsletter, o programmarne l’uscita. In quest’ultimo caso, ti basterà inserire data e orario di spedizione nei campi “Delivery date” e “Delivery time” e, infine, cliccare su “Schedule campaign”.

Implementa la newsletter di MailChimp

Come, ahimè, sempre accade, anche in questo caso, per implementare MailChimp sul tuo sito, hai bisogno di installare ed attivare un plugin WordPress.

Il plugin WordPress che consiglio in questo caso è nientepopodimeno che… Mailchimp for WordPress.
In realtà ti consiglio di scaricare, come ho fatto io, un template che abbia già implementate funzioni come il lazy loading, AMP o il servizio di newsletter. Se, però, vuoi continuare ad usare quella robaccia messa a disposizione di default, non posso che consigliarti quello che, ad oggi, vanta oltre un milione di installazioni attive e oltre 1.100 recensioni… tutte con 5 stelle di valutazione.

Come collego MailChimp a WordPress?

Nella colonna sinistra del pannello di amministrazione WordPress, ferma il cursore del mouse su “Plugin” e clicca su “Aggiungi nuovo”. Cerca, installa e attiva “Mailchimp for WordPress”.

newsletter

Porta il mouse su “Mailchimp for WP”, la nuova voce che ora ti appare nella colonna sinistra del pannello di amministrazione WordPress e clicca su “Mailchimp”.

Dopo aver generato la tua API key cliccando su “Ottieni la tua chiave API qui.” ed averla incollata nell’apposito spazio “Chiave API”, clicca su “Salva le modifiche”.
Vedrai passare lo stato da “DISCONNESSO” a “CONNESSO”.
Ora, nella sezione “Form”, crea il modulo per far iscrivere i visitatori al tuo sito. Di default, Mailchimp chiede nome/cognome e indirizzo email. Se non hai dimestichezza con il Regolamento UE 2016/679 (GDPR), limitati a raccogliere questi 2 dati.

Come inserisco la newsletter nel mio sito?

A questo punto hai 2 possibilità:

  1. Copia e incolla il codice del form dove vuoi tu;
  2. Sposta il mouse nella colonna sinistra del pannello di amministrazione WordPress, ferma il cursore su “Aspetto” e clicca su “Widget”. Cerca “Modulo di Iscrizione Mailchimp” e trascinalo sulla sidebar del tuo sito.

Dopo l’avvenuta registrazione alla newsletter, per impostazione predefinita viene visualizzato un messaggio di ringraziamento. Personalmente consiglio di reindirizzare sempre gli utenti che si sono iscritti ad una pagina di ringraziamento creata ad hoc.
“Redirect ad URL dopo iscrizione”, comando che trovi in “Impostazioni”, è realizzato proprio per questo scopo.

Come aumento gli iscritti alla Newsletter?

A questo punto avrai capito che aumentare gli iscritti alla newsletter è uno dei fattori determinanti per creare un blog di successo. Per incentivare i tuoi lettori ad iscriversi, uno dei modi migliori è, senza dubbio, assegnare “un premio”.
Ricevere sconti o avere accesso a contenuti esclusivi e non disponibili agli altri utenti sono due dei metodi più utilizzati dai copywriter per aumentare gli iscritti alla newsletter.

Il mio consiglio è questo: includi nel tuo sito un contenuto visibile solo parzialmente e invoglia i lettori ad avere accesso all’intero articolo esclusivamente tramite l’iscrizione alla tua newsletter.

Newsletter pop-up: come aumentare i lettori abituali

Un altro metodo per aumentare gli iscritti alla newsletter è utilizzare pop-up. Come avrai sicuramente notato, poco prima di abbandonare un sito, molte volte, ci troviamo di fronte ad enormi pop-up. L’intento è semplice e chiaro: trasformare i visitatori che abbandonano il sito in potenziali lettori abituali. Possibilmente facendoli iscrivere alla newsletter.

Newsletter e GDPR

In questo articolo abbiamo visto l’importanza di creare una community ai fini della SEO e come un servizio di newsletter efficace ed efficiente sia fondamentale in tal senso.

Il Regolamento UE 2016/679 (GDPR), per quanto riguarda le newsletter, specifica che devi richiedere unicamente i dati necessari per l’invio di email marketing. In pratica hai la possibilità di richiedere soltanto l’indirizzo email e, nel caso in cui volessi personalizzare il messaggio di invio, nome e cognome.

Se qualche passaggio di questo articolo non ti è chiaro o se hai suggerimenti, lascia un commento nell’apposito box che trovi qui sotto che, con molta fantasia, ho chiamato “LASCIA UN COMMENTO”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui