Facebook.com – 3 trucchi per scalare Google

Visualizzazioni
Aumenta visualizzazioni al tuo sito e migliora il posizionamento nella SERP

Facebook.com – Aumenta le visualizzazioni al tuo sito sfruttando i social

Nell’articolo dedicato a come scalare la SERP nei motori di ricerca, abbiamo visto l’importanza delle visualizzazioni nel posizionamento SEO.

Facebook.com, al pari degli altri social network, degli annunci sponsorizzati, delle mailing list, della ricerca organica e del traffico diretto, contribuisce ad aumentare il ranking. A differenza degli altri strumenti, però, facebook.com può contare su un bacino di utenza di 2,16 miliardi di utenti. Di questi, ben 1,4 miliardi utilizzano Messenger, lo strumento di messaggistica istantanea messo a disposizione da facebook.com.

Molti programmi o siti promettono di aumentare le visualizzazioni e, alcuni, funzionano veramente. La questione, in effetti, non riguarda il funzionamento in se quanto piuttosto l’utilità in termini di posizionamento nei motori di ricerca. La domanda che devi porti è: che tipo di visualizzazioni forniscono?

Facebook.com e SEO – Occhio ai numeri

Non perdere mai di vista il tuo obbiettivo: il posizionamento SEO. Questo è il motivo per cui le visualizzazioni devono tenere conto della durata media della sessione, delle pagine per sessione e della frequenza di rimbalzo.
Se le visualizzazioni che ottieni incidono negativamente anche su uno solo di questi 3 valori, otterrai il risultato opposto.

In poche parole, un utente che capita erroneamente sul tuo sito e lo abbandona subito dopo, non solo non porta conversioni ma danneggia anche la SEO. Ed è qui che entrano in gioco i social network che, come facebook.com, creando gruppi e pagine di nicchia, ti permettono già di effettuare un prima scrematura.

Indice dell’articolo

Facebook.com e visualizzazioni referral

Come saprai, il modo più veloce ed immediato per aumentare le visualizzazioni del tuo sito è spammare gli articoli su Facebook.com.
Lo spamming compulsivo, però, ha una serie di controindicazioni non indifferenti.

Tanto per cominciare, tutti i tuoi amici, followers e quant’altro, inizieranno (giustamente) ad odiarti perché riempirai le loro bacheche di link che rimandano al tuo sito… e questo è il male minore. L’aspetto più triste dello spamming, infatti, è che il tasso di conversione è talmente basso che le probabilità che qualcuno clicchi su quel dannato link, sono inferiori al fare 6 al SuperEnalotto.

Un modo meno invasivo per aumentare visualizzazioni e condivisioni è usare AddMeFast.

Trucchi facebook.com e Google AdSense

ATTENZIONE: tutti i metodi che leggerai da qui in poi sono utili esclusivamente per aumentare il posizionamento SEO.
Se utilizzi circuiti come Google AdSense NON utilizzare MAI bot perché quello di essere bannato non è un rischio, è una certezza.
E non pensare nemmeno di utilizzare i metodi che andrai a leggere nell’articolo per aumentare visualizzazioni YouTube perché NON funzionarà.

Detto ciò, andiamo a vedere come aumentare visualizzazioni in maniera paracula.

Come funziona AddMeFast?

Questo sito nasce per aumentare i numeri dei canali social ma, in questo articolo, approfondiremo come AddMeFast può aumentare visualizzazioni e condivisioni dei tuoi articoli.

Il procedimento per aumentare le visualizzazioni è abbastanza semplice:
– crea un account facebook.com finto che utilizzerai solamente per questo scopo (altrimenti tutti i tuoi amici e followers riceveranno infinite notifiche dei like andrai a lasciare);
– scegli l’opzione “Facebook Post Like” ché è quella più remunerativa in termini di punti elargiti (al settantacinquesimo Like dato, se si va su Daily Bonus”, vengono accreditati dai 500 ai 1000 punti direttamente da AddMeFast);
– dopo aver acquisito un po’ di punti, inserisci l’url di una delle tue pagine nella sezione “Add Site/Page”, indicando 2 come valore di CPC che “donerai” a chi si visualizzerà il tuo articolo. Se il pezzo che hai scritto è in inglese, puoi flaggare “WORLDWIDE”, altrimenti ti consiglio di spuntare “ITALY” dal menù a tendina “select countries”.
Dopo qualche minuto/ora dall’inserimento dell’url, AddMeFast lo passa dalla modalità 🔺 alla modalità  ed inizierai a ricevere le visite.

facebook.com

Facebook.com e AddMeFast (metodo alternativo)

Facebook.com, di tanto in tanto, bloccherà il profilo per ore/giorni a causa dei ripetuti “Mi piace” che hai cliccato quindi ti dico subito che esiste un altro modo per accumulare punti. Questo secondo escamotage puoi usarlo anche se non sei bannato ma semplicemente se vuoi evitare di perdere tempo con account e click finti.

Cliccando su “Website Hits”, ultima voce che trovi nella colonna di sinistra, AddMeFast, in automatico, simula una tua visita di mezzo minuto in un sito, passando al successivo al termine dei 30 secondi.
I punti che ottieni sono pochi rispetto alle altre azioni che si possono compiere ma vengono dati da AddMeFast senza fare nulla perché fa tutto il sito, in automatico.

Queste visualizzazioni fake di una trentina di secondi, puoi ottenerle anche con HitLeap Viewer.

HitLeap Viewer

A differenza di AddMeFast, HitLeap Viewer ha un file da scaricare.
VisualizzazioniUna volta scaricato il file e dopo esserti loggato nella home, nella sezione “My Websites” indichi 3 permalink WordPress e inizi a scambiare finte visualizzazioni con altri soggetti che, come te, hanno scaricato HitLeap Viewer.

Se anziché visite generate da proxy, sei in cerca di visite che provengono da computer o server reali, Jingling Bot è quello che cerchi.

Facebook.com Vs Jingling Bot

Jingling è un bot sviluppato dalla Spiritsoft, scaricabile gratuitamente. Una volta installato nel tuo Pc, ti sarà richiesta la password che è “123456”.

ATTENZIONE: sebbene Jingling non sia un file infetto, quando lo utilizzate, lasciate attivo l’antivirus perché alcuni siti visitati dal bot contengono virus e trojan.
Ti suggerisco, inoltre, di utilizzare Jingling su un pc che non utilizzi abitualmente perché è abbastanza “pesante” e rallenta molto le altre funzioni.

Nel momento in cui lanci il programma, ti accorgi subito che c’è un piccolissimo intoppo: è in cinese!!
Nessun problema, c’è SEOMagazine…

Impostare le visualizzazioni su Jingling

Quello che ti basta sapere è che devi cliccare il tasto indicato nella freccia per inserire, uno alla volta, i 5 url che vuoi condividere su Jingling.

jingling bot

Quando clicchi sul bottone, ti appare questa seconda finestra in cui devi inserire l’url.

Una volta inserito il link, clicchi sul tasto indicato dalla freccia e il gioco è fatto.

jingling bot
Altri tasti, bottoni e funzioni, nel nostro caso, sono totalmente inutili. Fatti bastare questi.

Conclusione

Dopo aver utilizzato per circa una settimana (sabato e domenica esclusi) AddMeFast, HitLeap Viewer e Jingling, questi sono i risultati ottenuti da SEOMagazine.
Visualizzazioni

Come spiegato nel precedente articolo dedicato a come velocizzare WordPress, sebbene i provider parlino di traffico illimitato, ogni server ha un limite fisico. Quando qualcuno visualizza un tuo articolo, il sito riceve un numero di richieste necessarie a caricare la pagina. Ad ogni richiesta aggiuntiva, corrisponde un via vai di pacchetti di dati tra client e server. Quando il numero di visualizzazioni aumenta a dismisura, per minimizzare i tempi di caricamento, alcune risorse potrebbero essere minimizzate eccessivamente.
Quando HTML, JavaScript e CSS sono ridotti all’osso per bilanciare l’aumento di richieste, il sito inizia a “sfarfallare”.

Ovviamente non accade nulla di irreparabile ma la user experience ne risente. E, prima ancora che per Google, dobbiamo scrivere per i nostri lettori. Quindi, se il vostro sito sfarfalla, ricaricate il template originale e cercate soluzioni che non danneggino la user experience, andando a lavorare sul settaggio dei vari Cloudflare, W3 Total Cache o Autoptimize.

Se qualche passaggio di questo articolo non ti è chiaro o se hai suggerimenti, lascia un commento nell’apposito box che trovi qui sotto che, con molta fantasia, ho chiamato “LASCIA UN COMMENTO”.

2 Commenti

    • Ciao Giulio, le visualizzazioni di Jingling Bot sono reali e figurano come traffico diretto, motivo per il quale sono utili per aumentare il ranking di Alexa e per provare a scalare la SERP di Google, Bing e Yahoo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui